Azienda Agricola Novaia

l'Amarone di Marcello Vaona

 

01

 

Per Marcello Vaona la tradizione è “cambiamento” e il suo vino lo è di certo... in meglio!

Io sono Marcello Vaona dell'azienda agricola Novaia, situata a Marano di Valpolicella.

Fare il vino per me non è solo un lavoro, ma anche passione per il territorio in cui sono nato e per ciò che offre. Per ottenere il meglio dalla terra bisogna amarla, rispettarne i cicli, utilizzare pratiche poco invasive che possano garantire equilibrio e convivenza tra la vigna e ciò che la circonda. Quello tra la coltivazione e gli alberi vicini è un rapporto particolare: si proteggono a vicenda. Io spesso ho curato noccioli, frassini e altri alberi anche per creare una sorta di barriera naturale tra la mia produzione biologica e quella della persona confinante che potrebbe usare altri metodi e quindi mettere a rischio di contaminazione le mie vigne. Dove tale pericolo è reale bisogna fare molta attenzione e, se c'è solo il dubbio di avvenuta contaminazione, bisogna vendemmiare a parte la partita di uva sul confine e vinificarla come convenzionale.

 

02

 

Fare biologico attorno a molte aziende convenzionali è davvero dura, ma penso che con un po' di intelligenza si possa coinvolgere anche le grandi realtà nell'utilizzo di altri metodi. Per esempio, sono riuscito a proporre un sistema interessante anche a chi non tratta l'uva bio: l'indurre la tignola, un insetto dannoso per la vigna, alla confusione sessuale con degli erogatori. Così facendo la simpatica bestiola non riesce ad accoppiarsi e di conseguenza non danneggia la produzione. Addio insetticidi!

 

03

 

Nella gamma dei nostri prodotti abbiamo da 2/3 anni affiancato un vino rosato, non tipico della Valpolicella ma, comunque, nato dalle nostre uve e vinificato in rosa. E' nato dall'esigenza di avere un vino un meno strutturato. Quando mi chiedono il perché rispondo, scherzando, che mi scocciavo ad andare a comprare un vino fresco in estate e quindi me lo sono fatto.

Nella nostra zona siamo tutti concentrati sul supervino dalla superstruttura: si è arrivati a produrre Valpolicella da 13°, un'assurdità per un vino che di solito fa 11.5/12°! Quindi anche attraverso il rosato abbiamo voluto dare il segnale di una produzione non basata sulla mera degustazione, ma sul piacere di pasteggiare in compagnia di un ottimo vino.

 

04

 

Anche il nostro Amarone non è un prodotto da degustazione, ma da tavola, il suo compito è accompagnare e ci riesce alla perfezione. Non sarei però un bravo produttore se non suggerissi ai miei clienti di sottoporlo al confronto con una bottiglia di altra produzione. Fa parte dei consigli utili per il cliente, se la scelta, poi, ricade sul mio vino vuol dire che la persona in questione avrà capito davvero quanto è equilibrato, bevibile e facilmente accostabile.

 

04

 

Per scegliere bene comunque è sempre una buona pratica controllare l'etichetta. Se sopra c'è il logo della FIVI allora si tratta di un'azienda agricola di piccole dimensione, che vinifica la propria uva, , trasformandola in casa. Se il logo non è presente dovete cercare la dicitura "imbottigliato all'origine", ossia prodotto da un'azienda o cooperativa che possiede i terreni. E poi c'è la denominazione: avere una denominazione vuol dire essere controllati. Questi sono i requisiti minimi per orientarsi e per essere certi che il prodotto non sia frutto di prodotti "tagliati", che hanno fatto "grossi giri".

 

05

 

L'azienda è nata alla fine dell'800 grazie al mio bisnonno, Vaona Paolo, che aveva cominciato a vendere, sia in bottiglia che in damigiana, i vini delle sue terre.
Poi le cose si sono evolute, tra alti e bassi: mio nonno è morto giovane quindi c'è stato un periodo in cui non si è più prodotto vino fino al '73, quando mio padre e mio zio hanno ripreso in mano l'attività chiamandola appunto Novaia.

 

06

 

Quindi stiamo parlando di un azienda familiare basata sulla tradizione me, citando Angelo Gai, la tradizione non è nient'altro che un'innovazione che ha avuto successo. Bisogna capire che si tratta di qualcosa in evoluzione, spesso la si pensa statica, ma non è così. Le tradizioni negli anni, nei secoli, mutano. Quindi, anche nel mio settore, quella che oggi chiamiamo “tradizione” è ciò che ha subito un cambiamento di anno in anno e così continua a fare. È sicuramente necessario rispettare ciò che che ci hanno insegnato i nostri padri, ma dobbiamo anche guardare avanti e, se ci sono delle innovazioni positive, le dobbiamo applicare. Nel 2010, per esempio, abbiamo introdotto una batteria di pannelli fotovoltaici, per produrre l'energia che serve in azienda e abbiamo costruito la nuova cantina cercando di aumentare al massimo l'efficienza produttiva: facciamo la vinificazione per caduta, senza l'utilizzo di pompe. Anche l'appassimento avviene in modo naturale: il fruttaio è stato posizionato in un punto in cui ci sono parecchie correnti d'aria che garantiscono un appassimento naturale.

 

07

 

Insomma, dal 1973 ad oggi siamo andati avanti: abbiamo una superficie di 7 ettari intatti, su 10 ettari totali, e produciamo circa 40.000 bottiglie l'anno.
L'obiettivo è sempre stato fare vino di qualità da mettere in bottiglia e da vendere sul mercato nazionale e, successivamente, estero.

Come trovarci? Grazie al sito internet (che abbiamo appena ristrutturato) e agli ormai immancabili social media.

 

 

 

Questo produttore lo trovi all'interno del Kit Amorone

Si dice che solo con ingredienti di ottima qualità si possono realizzare piatti veramente speciali... ne siamo convinti anche noi... ecco perche abbiamo unito L'Amarone Novaia ad altri due ingredienti di grande pregio per darti tutti l'occorrente per preapare il risotto all'amarone più buono che tu abbia mai assaggiato clicca su "scopri di più".

scopri di più

Info Produttore

Tipologia aziendale
Azienda Agricola
Anno di attività
1973
Tipo di prodotto
Vino
Zona di Produzione
Marano di Valpolicella
Classificazione Prodotto
FIVI - Federazione Italiana Viticoltori Indipendenti
Certificazione Biologica
No
Contatto
-